ottobre 2010


Il monsone a Delhi e’ ormai finito da un mesetto. Le pioggie incessanti e torrenziali di quest’anno hanno presto lasciato spazio all’inverno di Delhi. E’ incredibile quanto rapidamente il tempo cambi, e nel giro di una settimana, dai 30 gradi C di ogni sera si passa quasi istantaneamente ai 15/20C. Non e’ decisamente freddo se paragonato ad altri luoghi, ma 15 gradi di differenziale vi assicuro si fanno sentire! Per informazione nel pieno dell’inverno la temperatura la notte scende sui 10 (al massimo 6/7) gradi.

Se il freddo e’ quasi piacevole perche’ finalmente si puo’ stare fuori casa (o da luoghi con aria condizionata), l’inverno porta anche una cappa di smog bestiale. A Delhi l’aria nei mesi di Novembre e Dicembre diventa irrespirabile. Inoltre, l’aria diventa molto secca, e quindi con tanta polvere in giro. Insomma la combinazione inquinamento e pulviscolo, significa che anziche’ tornare a casa inzuppato d’acqua ora ci torno sporco come uno spazzacamino!

Ieri sera sulla mia consueta incasinata strada di ritorno dall’ufficio, stavo tranquillamente sacramentando il traffico di Delhi. Il solito bordello di bus, macchine, moto, auto rickshaw, bici, cycle rickshaw; pedoni che attraversano una strada a 6 corsie come se niente fosse; bus che si fermano nel pieno mezzo della strada per far scendere passeggeri che si ritrovano a fronteggiare migliaia di motoristi stressati che gli sfrecciano a 10 cm di distanza; nessuno, e dico nessuno, che sta in una corsia per piu’ di 20 secondi, e generalmente ci finiscono per caso non per scelta. Insomma la solita tiritera che ho fatto per 3 anni ogni giorno lavorativo.

Ma ieri non avevo notato il camion/autobotte che era li davanti a me qualche decina di macchine piu’ in la. Era della NDC (New Delhi Corporation), questo l’avevo notato. Non avevo pero’ pernsato al fatto che fosse piena d’acqua, ma ancora meno che i “tappi” sul tetto dell’autobotte (non ho idea di come si chiamino) non fossero chiusi.

Mi infilo qui, mi lancio li, mi faccio sentire la, arrivo dietro all’autobotte, mi infilo al lato quando l’autobotte frena bruscamente ed un mini tsunami si scaraventa su di me, sfigato motociclista (l’unico) affianco al camion.

Mi sono fatto un bagno totale. Non ho idea di che acqua ci fosse nell’autobotte. Se fosse di scarico o “potabile”, se fosse per bagnare le aiuole comunali (quindi generalmente acqua riciclata) o per uso domestico. Beh non puzzava e sembrava pulita…..boh. Di sicuro ha pulito un po della schifezza che si era accumulata su di me nei precedenti 15 km, con un liquido che si spera non fosse troppo schifoso!!!!

E vabbe’, la prossima volta, oltre al non passare troppo vicino ai bus per evitare i regolari scaracchi dei passeggeri fuori dal finestrino, aggiungero’ alla mia personale etichetta di guida a Delhi, non passare troppo vicino alle autobotti della NDC o ti fai una zuppa!!!

Annunci

Tutto è pronto per il nostro fine settimana lungo a jodhpur. Lavoro finito in tempo e con successo. Biglietti treno si sono sbloccati dalla waiting list, ed abbiamo 4 cuccette di prima classe. Borsa pronta, bambini anche, moglie rilassata e contenta perché andiamo per 3 giorni con vari amici ad un festival di musica piccolo ma cool: il riff di jodhpur, quello organizzato da mick jagger, roba buona!

Bene, io mi sono brigato per prendere biglietti treni da qualche settimana, ed ero convinto che il treno partisse da New Delhi station. Temporeggio a casa. Cazzeggio. Dico a Priya (la moglie) di star tranquilla che non c’è bisogno di arrivare troppo presto alla stazione che fa veramente schifo.

Bene, ci facciamo accompagnare con nostra macchina, ed arriviamo alla stazione con 30 minuti d’anticipo sull’orario si partenza. Tutto come da copione.

Gli schermi per capire da che binario parte il nostro treno sono temporaneamente fuori uso, anche qui come da copione. Beh, poco male saliamo sul ponticello pedonale che troviamo il binario scritto li. Sali qui sali li, poi così per evitare dispendi di energia inutili e passeggiata in luoghi non proprio salubri, chiedo ad una guardia e mi fa: no, sir. mandoor express parte da old Delhi station, prendi la metro!
Old Delhi station, cazzo! Ed ora come ci arriviamo?

Il guidatore che ci ha portato alla stazione (sbagliata…. Per colpa mia!) è andato; il suo telefono è rotto. Mannaggia a me, dico io, mentre la moglie chiaramente sta pensando parole più colorite per me! Prendiamo un auto rickshaw, dopo patteggio tariffa.
Inizialmente mi dice non ce la fate, poi visto la nostra situazione guida solerte e dice ce la fate, ce la fate, ma correte.

Arriviamo stazione all’orario di partenza del treno. Mi carico 22kg di figlio sulle spalle, più borsone e zaino. Priya ha l’altro figlio più leggero e giovane! Coda security, ormai siamo qui da abbastanza per sapere cosa fare e come ingiustamente sfruttare la nostra faccia da gora! Ci meniamo senza fare nessun controllo. Via, binario 16 è il nostro. Corri, corri. Corsa disperata, il treno è ancora lì, lo vediamo. Corri corri corri.
Kiran in spalla ride, crede di essere su in cavallo! Prima carrozza, o meglio l’ultima, è della posta. Si il treno è quello giusto ci dice uno. Jaldi jaldi. 2 o 3 carrozze sono sleeper class e non entrerebbe neanche una mosca. Continua a correre. Arriviamo ad una carrozza con spazio, ci fiondiamo, il treno sta incominciando a muoversi. Priya sale, io salgo scaricando Kiran dalle spalle! Un tipo straniero sulla porta fa: that’s what I call perfect timing! Mentre noi ansimiamo per prender fiato. Il conduttore arriva, aram se, ce l’avete fatta, datemi la borsa che vi porto alla cabina!!!
Priya è una santa in questi frangenti, io volevo morire e quasi ci rimango secco dalla corsa.

Ora sul treno…. All is well, all is well….

Ps sto scrivendo dal mio bb, quindi non ho idea se il post venga pubblicato e come. Un esperimento anche questo 😉

I CWG a Delhi sono stati talmente una manfrina che ha riempito le nostre vite nell’ultimo mese, che non gli si puo’ far giustizia con un solo post!!

Ieri c’e’ stata la cerimonia di chiusura con tanto di gran festa, fuochi d’artificio, musiche di bollywood e non, vestiti coloratissimi, stadio gremito. Insomma da tutti e’ stata definita come una gran bella chiusura per questo evento che ha avuto un travaglio a dir poco complicato, ma che ha portato alla luce il bambiniello senza crisi particolari. In questo post, le mie considerazioni sulla parte sportiva dell’evento…..per quelli sulla parte organizzativa la parte 2!

Premetto, sono stato a vedere 7 sessioni di 5 discipline, ed essendo un amante dello sport, mi sono divertito.

Lo standard dei giochi in molti sport non e’ di primissima fascia, a mio umile avviso. Non fraindentemi, per me un atleta e’ un atleta. Io ho il massimo rispetto ed ammirazione per loro qualsiasi sia il livello delle prestazioni. I CWG sono pero’ una manifestazione di secondo piano nel panorama sportivo internazionale. Oserei dire un po come gli Europei (atletica, calcio, etc.). Ci sono molte buone squadre ma non tutte. Qualcuna manda i loro migliori atleti, qualcuna quelli piu’ giovani per fare esperienza, qualcuna manda chi ha voglia di andarci. Con la eccezione di un paio di record mondiali, almeno per quello che ho seguito io mi sembrava che si viaggiasse abbastanza al di sopra dei migliori risultati o tempi al mondo.

D’altro canto pero’ e’, secondo me, molto positivo vedere ragazzini, come i sedicenni della squadra australiana che ho visto al velodromo, partecipare a questi eventi. Buon banco di prova con altri atleti a livello internazionale, grande esperienza personale e sportiva, grande divertimento per le 2 settimane…… in base a quanto ho visto dentro il “Games Village” al quale ho avuto accesso per una sera. Inoltre per alcune squadre minori (Falklands Island, Mauritius, Papua New Guinea, etc.), una occasione unica per essere presenti ad una competizione internazionale.

Il medagliere ha visto l’Australia dominare con 74 ori (177 medaglie in totale), davanti all’India con 38 ori (101 medaglie totali) che ha pippato l’Inghilterra l’ultimo giorno con 37 ori (142 medaglie totali). Ricordo l’Inghilterra e’ solo parte del Team GB che partecipa a competizioni come le olimpiadi.

Ovviamente data la super prestazione Indiana, i giornali hanno subito dimenticato le critiche di 3 settimane fa e le accuse che lanciavano a destra e manca, ed ora sono tutti a celebrare la grandezza di Bharat Mata (madre India). La cosa non sorprende, e’ un fenomeno mediatico diffuso. Le buone notizie polverizzano e seppeliscono le brutte, soprattuto se “spinned” nel modo giusto.

Viene ovviamente da chiedersi, ammazza questi indiani, sono diventati proprio forti nello sport? Io, che come sapete non sono un detrattore dell’India, cerco di fare ragionamenti a mio avviso logici ed imparziali. Gli atleti Indiani hanno vinto tanti ori. Sono contento, soprattuto perche’ il supporto che alcuni di loro hanno e’ patetico. Se raggiungono un risultato positivo e’ spesso merito del loro talento, dedizione e perseveranza di fronte a tante difficolta’ ed ostruzionismo.

E’ pero’ bene anche vedere dove hanno preso tutti questi ori. Dei 37 totali, 14 sono nel tiro a bersaglio, 11 nella lotta, 3 pugilato, 3 tiro con l’arco, piu’ i rimanenti tra atletica, badmington, tennis da tavolo, sollevamento pesi e tennis. 85% degli ori Indiani sono in 4 sport. Sono loro bravissimi, o la competizione scarsa? Difficile da dire. Diciamo che se si considera l’olimpiade di Bejing (Cina) del 2008, la situazione li e’ stata questa:

  • Tiro           medaglie totali 45 , Commonwealth team 2, India 1 oro 
  • Lotta         medaglie totali 69 , Commonwealth team 3, India 1 bronzo 
  • Pugilato   medaglie totali 45 , Commonwealth team 5, India 1 bronzo
  • Arco          medaglie totali 12 , Commonwealth team 0, India 0

Le statistiche come sempre possono essere interpretate in vari modi ;-). Non tutti gli sport olimpici fanno parte del CWG e vice versa, ma l’India alle olimpiadi aveva preso 1 oro su 3 delle nazioni del Commonwealth nelle discipline di cui sopra (e 3 medaglie complessivamente su 10 delle nazioni del Commonwealth). Quindi relativamente alla concorrenza aveva buone chance di prenderne abbastanza ai CWG in questi 4 sport….e l’ha fatto. Relativamente alla concorrenza mondiale difficile dire se sia all’altezza o meno. Qualche record nel tiro e’ stato battuto quindi il livello assoluto e’ molto buono. In altre discipline (lotta e pugilato) ogni match fa storia a se, quindi impossibile dire.

Gli Indiani sbruffoni, si gonfieranno il petto dopo questi CWG, e diranno a tutti di essere una forza sportiva da tenere in considerazione nel futuro. Quelli piu’ saggi, si godranno queste meritate e sudate vittorie, e continueranno a lavorare per migliorarsi. Gli ori daranno loro piu’ leverage per cercare supporto ed aiuto (finanziario ed infrastrutture) nei prossimi anni.

A Londra 2012 (olimpiade) vedremo se l’India si potra’ vantare di eccellere in alcuni sport, o se i CWG stanno all’Olimpiade come la Formula3000 alla F1…. bella ma una classe inferiore.

Quest’anno Delhi ed il nord ovest dell’India si sono presi la loro bella dose d’acqua. Le statistiche parlano di pioggie 20% superiori alla media a Delhi ma fino a 105% sopra la media in Gujarat (doppio del normale!). Dato interessante e’ che complessivamente in India i monsoni hanno portato pioggie solo il 2% sopra la media.

A Delhi credo che un monsone cosi non si avesse da decenni, e sicuramente il contrasto con quello delle precedenti 2 estati (che ho sperimentato direttamente) e’ stato vistoso. La mia “rule-of-thumb” e’ quante volte mi infracito sulla moto per andare e tornare dall’ufficio. Quest’anno mi sono scansato l’acqua di Luglio essendo in Italia per la maggior parte del mese, ma in compenso me la sono beccata tutta ad Agosto e Settembre con gli interessi!

La pioggia e’ stata regolare (cioe’ ogni giorno praticamente), spesso prolungata (ossia sulle 2 ore e passa), a volte violenta (dar far male se allo scoperto). La pioggia qui in India e’ vista come una cosa buona (ne avevo gia accennato in un post precedente), e la gente non si da’ tanta pena di essere bagnati, anzi i bambini soprattutto, fanno della pioggia una vera occasione di festa.

Sul terrazzo di un mio amico, un sabato pomeriggio, appena il cielo si e’ aperto ed acqua a catinelle e’ inziata a scendere, i figli (8 e 10 anni) si sono levati la maglietta ed hanno incominciato a fare scivolate pazzesche sul pavimento bagnato, con figure artistiche degne dei migliori ginnasti! La temepratura negli ultimi 2 mesi e’ stata appena sotto i 30 gradi ed umida, il che paradossalmente e’ alquanto confortevole qui a Delhi. L’aria era bella pulita e respirabile, dato che le pioggie l’hanno pulita da tutte le schifezze che respiriamo solitamente.

D’altro canto pero’ gente ha dovuto combattere con case che si allagavano e tetti che perdevano (questo vale sia per dimore “buone” della comunita’ expat di Delhi, che per quelle “sgarrupate” dei residenti degli slums). La dengue fever (uno stato febbrile acuto trasmesso da un tipo di zanzara particolare) e’ rampante data l’acqua stagna accumulatasi dappertutto. Malattie virali sono aumentate notevolmente date le precarie condizioni igienico sanitarie delle abitazioni di buon parte dei residenti di Delhi. Il trasporto (su strada, rotaia ma anche aereo) e’ stato piu’ volte interrotto e disturbato dai laghetti che si formavano qui e’ li dopo 2 ore di pioggia torrenziale.

La pioggia e’ stata talmente tanta a Delhi ma anche a nord di Delhi, che le dighe sui fiumi maggiori erano al punto di crollare. Acqua a monte e’ stata quindi rilasciata periodicamente per evitare danni (con conseguenze catastrofiche) alle dighe. In compenso milioni di metri cubi di acqua arrivavano a valle mettendo in pericolo le popolazionie nelle pianure. Qualcuno di voi ha probabilmente visto immagini delle inondazioni nel Pakistan, ma anche qui la situazione e’ stata alquanto critica in alcune zone.

La mia limitata esperienza si basa sul ponte sullo Yamuna (un grande affluente del Ganga) che attraverso ogni giorno per andare in ufficio. Piu’ di una volta a Settembre l’Hathnikund Barrage, a nord di Delhi, e’ stato aperto rilasciando punte di 800,000 cusec (metri cubi al secondo) di acqua. L’acqua nel giro di 2/3 giorni arrivava a Delhi ed il livello di acqua dello Yamuna ha piu’ volte superato (e di parecchio) il cosiddetto “danger mark” di 204.83 metri sul livello del mare. Siamo arrivati sopra i 207 metri un paio di volte. Immaginate se il Tevere o il mare del Golfo di Napoli fossero 3/4 metri piu’ alti del normale. A Napoli presumo Piazza Municipio tornerebbe ad essere il porto che una volta era!

Mi sono fermato piu’ di una volta a prendere delle foto dal DND Flyover Bridge che ho messo qui, prima e dopo monosone. Il livello dell’acqua alta faceva veramente impressione. Interi campi, normalmente sede di incontri di cricket, pic nic, e pascolo per water buffalos e mucche, erano diventati un lago. A nord di Delhi, vicino a quella che viene definita Old Delhi, molta gente e’ stata evacuata. Scherzavo con i miei colleghi (anche se non era da ridere) che il Red Fort sarebbe tornato ai vecchi splendori con il fiume che gli scorreva accanto, solo che il traffico di barchette di una volta sarebbe stato rimpiazzato dal traffico di Maruti Alto che strombazzano il clacson!

 
 
                                        Acqua alta dello Yamuna
 
 
       
    Eran campi di cricket…..                              Non ero solo a far foto!

   

       

            Stesso ponte, stessa sponda …… 2 settimane dopo.

Non c’e’ da stupirsi quindi se i famigerati lavori per i Commonwealth Games ne abbiano sofferto (ovviamente la mancanza di pianificazione ha esacerbato il problema). Il problema dengue e’ ancora molto grave. Vari amici e conoscenti se la sono beccata, e benche’ raramente una malattia letale, non e’ certamente piacevole…..viene colloquiamente definita “bone breaker” (spacca ossa!!!). Trovare verdure ai mercati era diventata una specie di lotteria. Andare in giro in moto, significava la certezza di bagnarsi le mutande.

Due settimane di sole pero’ e’ Delhi e’ diventata inquinatissima, polverosa, e calda (durante il giorno). Le serate ed il mattino presto sono molto piacevoli, l’inverno si avvicina….tempo di barbeque!!